amatestessa

Il benessere prima di tutto!


9 commenti

I segreti del Tè verde!

Il tè verde (camelia sinensis) è un arbusto originario dell’Asia sud-orientale dove viene utilizzato da oltre 5000 anni. E’ una pianta con foglie verdi e lucenti e fiori bianchi. Viene raccolto quando raggiunge circa il metro e mezzo di altezza, per facilitarne la raccolta. Successivamente le foglie subiranno trattamenti diversi a seconda che sia tè verde, tè nero, tè bianco o tè oolong (a volte chiamato anche tè azzurro).

Il tè verde, lo possiamo considerare come un elisir magico, in grado di portare una grande moltitudine di giovamenti alla nostra salute psico-fisica.

È una bevanda naturale che se assunta in modo puro, e dunque non acquistandolo in maniera trattata, ovvero con aggiunta di conservanti e zuccheri, bensì comprando l’infuso in erboristeria, è in grado di prevenire, e curare molti problemi. Le popolazioni del Giappone lo sanno bene e da secoli e hanno ricevuto sempre più conferme da parte della scienza.

IL Tè verde, si adatta perfettamente a ogni tipo di stagione, caldo o freddo, il suo gusto è sempre piacevole e mantiene intatte le sue proprietà. L’importante è che versate uno o due cucchiaini delle sue foglie in una tazza d’acqua bollente, lasciate riposare per cinque minuti e filtrate. Niente di impegnativo, ma come dico sempre: le cose semplici, sono le migliori!

Qual è la composizione e le proprietà benefiche del Tè verde?

Le foglie contengono i seguenti principi chimici.

  • Composti polifenolici (30%) prevalentemente catechine o flavonoli (epigallocatechina-3-O-gallato (EGCG), epicatechina, epicatechina-3-O-gallato (ECG), catechina, epigalloca- techina), flavonoidi, tannini, ac.clorogenico.
  • Basi puriniche: caffeina o teina (1-5%) e piccole quantità di alcaloidi xantinici (teofillina, teobromina, ecc.).
  • Saponine triterpeniche.
  • Vitamine e minerali (vitamina C, vitamine del complesso B, calcio, ferro, fluoro).

Al tè verde si riconoscono le seguenti proprietà:

  • Antiossidanti, protettive dell’apparato cardiovascolare, ipolipemizzanti.
  • Stimolanti il metabolismo basale, lipolitiche, toniche sul SNC, diuretiche.
  • Mantenimento omeostasi glicemica
  • Antinfiammatorie.

Per saperne di più, andate sul seguente link:

https://docs.google.com/document/d/15VPZRjipo2soKZ2TNJSsDWDh7bjECEGgUVq3FYiCLTw/edit?usp=sharing

Controindicazioni del tè verde

In caso di assunzione di farmaci sarebbe opportuno sospendere l’assunzione di tè oppure attendere diverse ore prima di berlo. Un uso eccessivo di tè può creare agitazione e nervosismo. Per chi soffre di insonnia si consiglia di non bere il tè prima di andare a dormire, oppure bere tè bianco, più “leggero” rispetto alle altre varietà. Inoltre è sconsigliatissimo per chi soffre d’ulcera.

Ovviamente tutte le proprietà del tè verde tra la quali quella di essere un ottimo portatore di sostanze antiossidanti, sono da ritrovarsi anche in tutti gli alimenti come la frutta e la verdura. Dunque non bisogna sostituire tale elemento al resto degli elementi nutritivi che la natura ci offre bensì considerarlo come FATTORE INTEGRATIVO. Possiamo assumerlo in dosi precise, non eccessive, al fine di non causare danni al nostro organismo. Come dico sempre: L’EQUILIBRIO È ESSENZIALE IN TUTTO QUELLO CHE FACCIAMO E ASSUMIAMO!

NON BISOGNA MAI ECCEDERE.

Buona giornata,

WithLoveGiulietta ❤

Annunci


13 commenti

La cellulite e la ritenzione idrica.

La cellulite è un inestetismo della pelle che si manifesta con il cosidetto aspetto a buccia d’arancia, ed è un problema che nasce dallo strato del tessuto connettivale: si tratta di un aumento di volume delle cellule adipose, in zone specifiche e circoscritte del corpo come le cosce, i glutei e i fianchi.

La cellulite è forse l’inestetismo più odiato dalle donne, che colpisce sia soggetti magri che soggetti più in carne.

Una strategia alimentare mirata è comunque in grado di ridurre il grasso in eccesso ed insieme ad esso buona parte della cellulite, il tutto ovviamente affiancato allo sport e all’utilizzo di trattamenti di bellezza calibrati, che riescono a sconfiggere definitivamente la tanto odiata cellulite.
Esistono tre tipologie di cellulite a seconda del loro stadio di avanzamento:

– stadio 1: provoca edema, cioè un accumulo di liquidi, presente all’interno del tessuto adiposo soprattutto in corrispondenza di caviglie, polpacci, cosce e braccia.

– stadio 2: si ha un aumento del tessuto connettivo ed un indurimento dell’adipe con conseguente formazione di tanti piccoli noduli (la cosiddetta pelle a buccia d’arancia).

– stadio 3: scaturisce un indurimento e raffreddamento del tessuto, con noduli di grandi dimensioni spesso cause di forte dolore.
Prima di vedere le cause e i rimedi, voglio parlarvi della differenza sostanziale tra cellulite e ritenzione idrica, le quali vengono spesso confuse, ma che in realtà hanno un fondamento fisiologico nettamente differente:
– LA CELLULITE. Come abbiamo visto, è un’ alterazione dei tessuti sottocutanei che porta all’accumulo di liquidi e tossine metaboliche tra una cellula e l’altra e che, nella maggior parte dei casi, diventa visibile anche in superficie;

-LA RITENZIONE IDRICA. È la  è la tendenza ad accumulare liquidi in eccesso tra le cellule per via di un malfunzionamento del sistema venoso e linfatico. Questo deriva proprio uno squilibrio tra la quantità di potassio che si trova all’interno delle cellule e la quantità di sodio, che invece sta all’esterno di esso. Uno squilibrio di questi due sali comporta il trattenimento di acqua per ottenere una diluzione normale, comportando un rigonfiamento.

Svelata la differenza tra le due problematiche più odiate dalle donne, vediamo ora le cause e i rimedi che risultano, invece, essere uguali per entrambe.
LE CAUSE: Sedentarietà, dieta ipocalorica con basso apporto proteico, intolleranze alimentari, alcuni farmaci come la pillola contraccettiva e accumulo di tossine.

Ma perché si forma la cellulite, e perché è un inestetismo quasi esclusivamente femminile? La cellulite è provocata da un insieme di cause e fattori, ma la causa principale è l’azione degli estrogeni, ovvero gli ormoni sessuali femminili, elemento che spiega la predilezione che la cellulite ha per le donne.

Gli estrogeni favoriscono la ritenzione di liquidi e quindi contribuiscono ad innescare un processo di aumento di volume e rottura delle cellule adipose, che vanno a spandere il loro contenuto di trigliceridi tra le cellule circostanti, creando malfunzionamenti nel microcircolo e rigonfiamenti del tessuto adiposo.
LE CURE:

– Attività fisica regolare soprattutto quella aerobica (corsa, nuoto, bici) che stimola l’apparato respiratorio e cardiocircolatorio, attivando così anche la microcircolazione, quindi il sistema venoso e linfatico.

Trattamenti estetici specifici poco sodio e molta acqua, dieta ricca di liquidi ed equilibrata, ovvero massaggi in grado di stimolare e attivare il sistema venoso e linfatico che se abbinati ai precedenti rimedi possono essere un ulteriore aiuto.

– Alimentazione, di cui adesso vediamo in modo più approfondito nel seguente link:

https://docs.google.com/document/d/17j4QKuOYsTzFHJmkHjiruHWaA44RhJR-QLU4TNnqqjo/edit?usp=sharing

 

Con questo vi saluto, a presto

WithLoveGiulietta ❤