amatestessa

Il benessere prima di tutto!


2 commenti

Ketchup fatto in casa: sano, goloso e tanto buono!

Buongiorno a tutti miei carissimi lettori, 
ecco a voi la ricetta del ketchup fatto in casa!
Trovai tempo fa questa ricettina in giro per il web e quando la preparai era piaciuta moltissimo, quindi ve la riporto qui perchè può essere utile averla come punto di riferimento 🙂
La cottura del prodotto è di un’ora e 20 minuti, ma ne vale la pena, considerando che si tratta di un prodotto sano e senza alcuna sostanza chimica.
INGREDIENTI:
Olio evo 100 ml
Carota 1
Sedano 1 gambo
Cipolla 1 piccola
Aglio 2 spicchi
Passata di pomodoro 800 gr
Chiodi di garofano 5
Timo 1 rametto
Cannella 1 pezzetto di stecca
Alloro 2 foglie
Aceto di vino rosso 100 ml
Maizena 1 cucchiaino
Zucchero di canna 100 g
Sale 1 cucchiaino
Zenzero 1 piccolo pezzetto 
 Gli ingredienti sono tanti ma a basso costo 🙂

PROCEDIMENTO:

Sbucciate la carota e tritatela, fate la stessa cosa con sedano, l’aglio e la cipolla e fateli appassire nell’olio; aggiungete la passata di pomodoro, i chiodi di garofano, le foglie di alloro, le foglioline di timo, il pezzettino di zenzero grattugiato e il pezzettino di cannella, e fate cuocere a fuoco basso per 20 minuti.

Aggiungete ora l’aceto, il cucchiaino di maizena sciolto in poca acqua, la senape in polvere e lo zucchero e il cucchiaino di sale portando il tutto all’ ebollizione: fate cuocere per 1 ora e mezza a fuoco basso, aggiungendo eventualmente poca acqua per non farlo asciugare troppo.

La cottura lunga è essenziale al fine di ottenere la corposità del prodotto e soprattutto del sapore di ogni singolo ingrediente.
Trascorso il tempo necessario, passate il tutto al passaverdure, per eliminare eventuali bucce e le spezie, e infine frullate il passato ottenuto, utilizzando un mixer o un frullatore.

La salsa ketchup può essere conservata a lungo in frigorifero; se volete invece conservarla sottovuoto potete utilizzare la medesima procedura usata per le conserve, e quindi una volta chiusa in appositi barattoli portarla a ebollizione per 20 minuti.


I miei contatti:

CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/user/withlovegiulietta/about
GOOGLE+ : https://plus.google.com/u/0/+WithLoveGiulietta/posts
PAGINA FACEBOOK: https://www.facebook.com/pages/Amatestessa/1477029379231288?ref=aymt_homepage_panel

INSTAGRAM: http://instagram.com/withlovegiulietta

TWITTER: https://twitter.com/GiuliaSpanoArt
BLOG WORDPRESS: http://www.amatestessa.com

PLAYLIST AMATESTESSA: https://www.youtube.com/watch?v=TlXFurEr4wI&list=PLvKKNe6veFLN-iErOiogTkvNg0B5ZdV28
PLAYLIST TAG: https://www.youtube.com/watch?v=NdECwSpQ7vs&list=PLvKKNe6veFLNVhozW_SztU9uBs6rmJxqe

PLAYLIST OUTFIT: https://www.youtube.com/playlist?list=PLvKKNe6veFLPUYG_HADKsMmh8VGy0BJpa

PLAYLIST VIDEO CUCINA: https://www.youtube.com/playlist?list=PLvKKNe6veFLOzbZjMeS05fKZfxMPqz41l
PLAYLIST CHIACCHERICCI VARI: https://www.youtube.com/watch?v=yFPNCVboPgE&list=PLvKKNe6veFLPkmTrikp37I5p-Ia800uHR
SE NON L’AVETE ANCORA FATTO, ISCRIVETEVI AL MIO CANALE! 🙂
*****************************************************************************

WithLoveGiulietta

Annunci


7 commenti

Ketchup: la salsa killer!

tomatoes-1448262_1280

La maggior parte delle persone, quando pensa al ketchup, la vede come una valida e sana alternatva rispetto alla mayonese, che risulta essere composta da molte più calorie rispetto alla salsa rossa.

In realtà, quello che bisogna conoscere di un prodotto, non sono le calorie, bensì i suoi ingredienti principali.

Vi invito sempre a leggere i miei precedenti articoli dove vi mostro la lista degli ingredienti cancerogeni che le industrie usano praticamente in tutti gli alimenti che ci offrono sul mercato:

ARTICOLO PARTE 1:

https://amatestessa.com/2015/01/17/gli-ingredienti-con-cui-le-industrie-ci-stanno-uccidendo/

VIDEO PARTE 1:

ARTICOLO PARTE 2:

https://amatestessa.com/2015/01/18/gli-ingredienti-con-cui-le-industrie-ci-stanno-uccidendo-parte-2/

VIDEO PARTE 2:

Andiamo quindi ad analizzare il ketchup nella sua composizione, considerando che ogni azienda varia qualche ingrediente, possiamo così riassumerli:

tomatoes-320860_1280

 

– Concentrato di pomodoro (77%): vedendo questo valore, la nostra mente va subito a pensare che il prodotto in sè non è poi così male, poiché il pomodoro è un ingrediente sano e genuino. In realtà proprio questo ingrediente principale, è di origini sconosciute. Si è scoperto nel corso degli anni che il concentrato o semi-concentrato di pomodoro contenuto nel ketchup, fosse importato anche dalla Cina, contenente sostanze tossiche per gli essere umani.

– Spezie non meglio definite;

– Saccarina usata in maniera immotivata dato il già piccolo apporto calorico del prodotto;

aceto di acquavite;

– zucchero semolato: altamente cancerogeno ( ARTICOLO:  https://amatestessa.com/2014/11/26/lo-zucchero-semolato/ ) 

– amido modificato di mais: mai fidarsi degli amidi modificati!

– sale.

: glutammato monosodico: La FDA permette 20 “pseudo” nomi per esso, tra cui estratto di lievito Ajinomoto autolyzed, Vetsin, MSG, gelatina, caseinato di calcio, proteina vegetale idrolizzata (HVP), proteina testurizzata, glutammato monopotassico, idrolizzato pianta Poteina (PHP) Estratto di lievito, acido glutammico, caseinato di sodio, lievito, proteine vegetali idrolizzate, Senomyx, carragenina, aromi naturali, esaltatore di sapidità, o il numero E620, E621, E622, E623, E624, E625, E627, E631, o E635 per citarne alcuni. Solo perché un prodotto dice “No MSG” non significa che non c’è! Approfondire qui.
Sodio nitrato e nitrito di sodio (nitrosammine)
E ‘usato per fertilizzanti, esplosivi, e come solvente nell’industria della pulizia a secco. Questo ingrediente mantiene le molecole di emoglobina nel sangue di trasportare l’ossigeno ai tessuti del corpo. E ‘considerato un “super-sale” (come glutammato monosodico) aggiunto a cose come hot dog, salsicce e pancetta per aumentare la durata di conservazione, colore e sapore.
Il nitrito di sodio è usato principalmente come conservante alimentare e fissativo del colore nei prodotti a base di carne. Spesso usati in combinazione con altri sali noti nella vulcanizzazione: sali di sodio nitrito e nitrato e potassio (E249). Il suo uso impedisce intossicazione batterica, specialmente botulismo.
Gli studi da parte delle autorità sanitarie degli Stati Uniti alla fine del 1970 hanno dimostrato che l’uso di nitrito di sodio come additivo alimentare provoca il cancro.

– E211: Questo assassino furtivo si trova in quasi tutti i vasi e bottiglie, come condimento per l’insalata, sottaceti, salse, maionese, quasi tutte le bevande analcoliche e succhi di frutta, e anche in prodotti alimentari etichettati come “naturali”. Secondo uno studio del professor Peter Piper, del dipartimento di biologia molecolare e biotecnologie dell’Università di Sheffield, il sodio benzoato testato su cellule vive di lieviti distrugge aree del DNA nelle stazioni energetiche cellulari, i mitocondri.

Le conclusioni potete trarle benissimo voi stessi: la realtà è molto più grave di quello che pensiamo. Volete davvero continuare a ignorare le etichette? Io ci penserei due volte prima di farlo e se siete amanti di questa salsa, non dovete per forza rinunciarci, bensì potete produrla fatta in casa con materie prime da voi scelte accuratamente!

Diffidate dai prodotti confezionati!

 

 

 


Lascia un commento

Sale Himalayano di Sorgente Natura.

Buongiorno carissimi lettori,

oggi vi parlerò di un’ottima azienda che ha da subito attirato la mia attenzione per l’alta qualità dei prodotti, biologici e dunque sani, ma anche per la passione e la gentilezza del suo personale che con le loro forze hanno tirato su questo sito, ma soprattutto ci hanno permesso di conoscere e di poter beneficiare dei loro buonissimi prodotti. Essi spaziano dalla cura esterna del corpo e del viso, all’alimentazione stessa, nonché all’oggettistica, agli accessori d’abbigliamento e senza trascurare i nostri cari amici animali.

Qui di seguente, cliccando nella foto, potete risalire al sito:

Schermata da 2014-12-11 07:56:24

Io personalmente ho avuto l’occasione di provare il sale himalayano e devo dire che sono veramente soddisfatta:

prodotto buonissimo e leggero, ottimo tra le tante cose per salare la pasta, x condire i piatti e anche per preparare delle cure per la nostra pelle.

Cliccate sulla foto per saperne di più e acquistare il prodotto se di vostro gradimento: 

Il sale Himalayano non è un comune sale marino, ma si tratta di una formazione cristallina che risale a circa 250 milioni di anni e che ha una struttura particolare dovuta alle elevate pressioni a cui è stato sottoposto. Esso ha subito un processo di trasformazione che l’ha reso un cristallo il cui contenuto è ricchissimo in oligoelementi, preziosissimi per il nostro organismo.
In particolare si riscontra la presenza di fluoro, calcio, zinco, manganese, cromo, cobalto, ossido di zolfo, potassio, iodio e rame. Le quantità di ciascuno di questi elementi essenziali, varia a seconda del filone di estrazione ed è per questo motivo che le sfumature cambiano dal rosa all’arancione a seconda dell’elemento che prevale maggiormente.

Che benefici si riscontrano maggiormente?

– l’equilibrio di acidi e alcali;
– la regolazione della pressione sanguigna;
– migliorare le affezioni della pelle;
– attenuare e prevenire i problemi alle vie respiratorie;
– pulire l’intestino e depurare dalle tossine.

Il nostro organismo, come sappiamo, trasporta messaggi da un distretto all’altro, attraverso degli impulsi che vengono attivati anche dalla presenza di Na+. Ne possiamo dunque dedurre che il sale è importantissimo nel donarci oligoelementi essenziali anche nelle reazioni bio-elettriche del nostro organismo. Quindi acqua e sale sono le basi biologiche e fisiologiche fondamentali per la vita.

L’organismo umano richiede sale da circa 0,2 a 5 grammi al giorno, altrimenti ne deriverà un malfunzionamento del nostro organismo.

Il sale rosa himalayano non è trattato industrialmente e si rivela un toccasana per la nostra vita: lo approvo assolutamente e ringrazio ancora una volta l’azienda Sorgente Natura per avermi permesso di usufruirne.

Buona giornata e mi raccomando visitate il sito Sorgente Natura, perché non ve ne pentirete! 

 

WithLoveGiulietta ❤


2 commenti

Riso basmati con pollo

Oggi vi presento questo piatto completo, facile facile e molto salutare.

INGREDIENTI (1-2 persone):

2 filetti di petto di pollo abbastanza grandi: La carne di pollo, è povera di grassi, altamente digeribile e possiede buone quantità di ferro. Le proteine insite in esse, sono indispensabili nel rinnovo tissutale, nella formazione di ormoni e di enzimi, così come di anticorpo.

Gli aminoacidi che possiede, sono ramificati, il che li rende utili per il metabolismo muscolare e per smaltire le tossine che si formano quando si compie un lavoro atletico.

180 grammi di riso basmati: A basso apporto di grassi.  Tra tutte le varietà di riso è quella che contiene meno lipidi. È ben digeribile e ideale come contorno, al posto del pane.  Il riso, di qualsiasi qualità sia, aiuta il nostro organismo a disintossicarsi, a sgonfiarsi e soprattutto se si tratta della qualità integrale, stimola l’evacuazione intestinale. Molto utile nella diete dimagranti, accompagna anche gli individui intolleranti al glutine.

Per le malattie cardiache come l’ipertensione, è un toccasana considerando che possiede un’azione ipotensiva e diuretica, altrettanto utile contro edemi e nelle cirrosi epatiche;

sale;

pepe: tra le varie cose è composto per il 10 % circa da acqua, da proteine, grassi, sali minerali tra cui citiamo il calcio, il sodio, il potassio, il ferro ed il fosforo. Tra le vitamina sono presenti la vitamina A, la tiamina o vitamina B1, la riboflavina ( B2 ) e la niacina ( B3 ).

Quali sono le sue proprietà?
– digestiva con conseguente stimolazione del metabolismo; questi benefici sono da imputarsi alla presenza di piperina che, oltre a favorire la produzione dei succhi gastrici, è anche in grado di migliorare l’assorbimento delle sostanze nutrienti presenti negli alimenti introdotti nel nostro organismo.
– la piperina sia in grado di stimolare la produzione di endorfine a livello celebraleed  è quindi considerata una sostanza con proprietà antidepressive.
-benefici in caso di infiammazioni e ritenzione idrica.
 
Uno studio pubblicato sulla rivista Clinical Laboratory Science sostiene che il consumo di pepe nero si rivela efficace nella lotta al cancro al colon in quanto inibisce la proliferazione di questo tipo di cellule tumorali.
 
-Favorisce la termogenesi: ovvero la produzione di calore da parte dell’organismo, processo che aiuta il corpo a bruciare più calorie; per questo motivo il pepe nero viene utilizzato nelle diete dimagranti ed è stato calcolato che, se assunto durante un pasto, può aumentare fino 10 % in più il numero di calorie bruciate;

-Limone: Oltre alla vitamina C, il limone contiene: saccarosio, glucosio e fruttosio, sali minerali, calcio, fosforo, ferro, manganese, rame e altre importanti vitamine del gruppo B e A.

Le proprietà del limone sono molteplici: la sua proprietà depurativa e disintossicante è un toccasana per il nostro organismo, soprattutto se beviamo un bicchiere di acqua e limone appena svegli al mattino. Infatti regolarizza l’intestino e si dice sia addirittura un alleato contro l’inestetismo della cellulite.

Una sostanza insita nel limone, ovvero la limonene, è usata contro i calcoli nella cistifellea. Inoltre recenti studi hanno dimostrato che il limone sia capace di combattere i tumori soprattutto quelli legati all’apparato digerente. Altri benefici del limone sono: combatte la diarrea, la nausea, previene arteriosclerosi, rimineralizza le ossa, antianemico, disinfettante;

-salsa di soia q.b.: se inserita in una dieta che limita l’uso di grassi animali, partecipa all’abbassamento del colesterolo, grazie all’azione delle fibre, che aumentando la sensazione di sazietà riducono l’assorbimento di altro cibo. Ricca di fibre, favorisce lo svuotamento intestinale con un effetto lassativo. Inoltre espelle tossine e combatte il colesterolo cattivo.

PREPARAZIONE:

prendere i 2 filetti di petto di pollo e farli marinare con il succo di limone (uno o due secondo il gusto) e salsa di soia q.b.

Lasciare in marinatura per almeno mezz’ora in frigo.

Intanto cuciniamo il riso basmati lavandolo e tenendolo su una bacinella d’ acqua che cambieremo dopo 10-20 minuti finché l’ acqua non sarà chiara.

Metteremo il riso a bollire per circa 10 minuti.

Intanto ci riprendiamo i filetti di pollo ed accendiamo il forno a 180 gradi per riscaldarlo.

A forno pronto metteremo su un piatto il pollo scolato dalla marinatura direttamente in forno senza aggiungere olio ne burro solamente aggiustandolo di sale e di pepe.

La cottura sarà di circa 20 minuti.

Appena pronti metterete i filetti su un piatto ed accanto il riso basmati che andrete a condire a piacere con del succo di limone e salsa di soia.

ps. nella foto il pollo è condito col curry, perchè non ho trovato altre foto disponibili. Il curry è comunque ottimo.

BUON APPETITO! 😀

WithLoveGiulietta ❤


7 commenti

Burger Vegetariano con Melanzane

Oggi vi proprongo una ricetta leggera e gustosa, che mi è stata consigliata da una mia cara amica 🙂

Spero vi piaccia!

INGREDIENTI (per 3 persone):

-2 melanzane: questo ortaggio domina la stagione estiva, poichè contiene pochi grassi e calorie, ovvero 17kcal ogni 100 gr. Risulta quindi adeguato per i soggetti che seguono una dieta. Bisogna però prestare molta attenzione all’utilizzo dei condimenti, perchè la melanzana ha la capacità di assorbire molto olio, sale ecc. Tra le caratteristiche più interessanti c’è la capacità di combattere la ritenzione idrica, al punto da essere indicata fra i cibi che aiutano a combattere la cellulite.

Quali altre proprietà possiede? 

Favorisce l’aumento della produzione della bile, stimolandone il rilascio da parte delle cellule epatiche e contemporaneamente, agevola la digestione. Un vantaggio che porta al miglioramento della funzionalità epatica e alla riduzione del contenuto di colesterolo nel sangue.
Grazie al suo alto contenuto in fibre, ha una elevata capacità saziante ed è un ottimo alimento da consigliare a chi ha problemi di stipsi. È anche adatta per chi soffre di crampi muscolari, infatti possiede un elevato contenuto in potassio. Notevoli le proprietà diuretiche, essendo formata da circa il 93% di acqua. Inoltre attraverso diversi studi condotti, si certifica ( quasi certamente) l’utilità della melanzana nella riduzione della pressione arteriosa poiché svolge un’azione molto simile a quello svolto dai farmaci anti-ipertensivi.

-60 gr pecorino: http://www.valori-alimenti.com/nutrizionali/tabella01038.php

-1 cipolla rossa: Appartiene alla famiglia delle Liliacee, viene coltivata in ogni parte del mondo ed è uno degli aromi più utilizzati nel mondo. È una pianta erbacea che cresce ogni due anni, ma generalmente viene coltivata e in questo caso, produce i suoi bulbi annualmente. Il terreno sul quale cresce è generalmente un terreno fertile che si adatti a ogni tipo di clima , anche se “predilige” una temperatura piuttosto fredda.

La cipolla ha un consistente valore nutritivo, grazie alla presenza di SALI MINERALI e vitamine, soprattutto la vitamina C, ma contiene anche molti fermenti che aiutano la digestione e stimolano il metabolismo; inoltre contiene anche oligoelementi quali zolfo, ferro, potassio, magnesio, fluoro, calcio, manganese e fosforo, diverse VITAMINE (A, complesso B, C, E); flavonoidi con azione diuretica dall’azione diuretica e la glucochinina, un ormone vegetale, che possiede una forte azione antidiabetica.

In dermatologia, può essere utilizzata come antibiotico, antibatterico, semplicemente applicando il succo sulla parte da disinfettare; è anche un ottimo espettorante, specialmente unito al miele e un decongestionante della faringe: i gargarismi con succo di cipolla sono particolarmente indicati in caso di tonsillite e il succo è anche molto utilizzato come diuretico e depurativo e infatti viene consigliato da chi soffre di trombosi perché, avendo un potere fluidificante, facilita la circolazione del sangue. Un discorso a parte merita l’utilizzo della cipolla per tutti coloro che soffrono di “cattiva digestione”: in questo caso si consiglia di consumare la cipolla cotta che è sicuramente più tollerabile anche se ha minori proprietà nutritive rispetto a quella cruda che può essere assunta facilmente da coloro i quali non hanno particolari problemi di bruciori allo stomaco. Infine questi “benefici bulbi” fungono anche da ipoglicemizzanti, abbassando il livello di glucosio nel sangue e permettendo di ridurre le dosi di insulina a chi ne ha bisogno. Di questa pianta si conoscono anche le virtù benefiche in omeopatia: infatti è indicata in caso di raffreddore.

-Pan grattato q.b.: http://ricette-calorie.com/valori-nutrizionali/salumi/pangrattato.php

– Noce moscata: La Myristica fragrans è un albero originario dell’Indonesia che cresce nelle regioni a clima tropicale.
I frutti della Myristica fragrans vengono commercializzati come spezie: il seme è la noce moscata. 

Questa preziosa spezia, è ricca di fonti minerali come: rame, potassio, calcio, ferro, zinco e magnesio.

Possiede anche molte vitamine appartenenti al gruppo B, ovvero: niacina, tiamina, riboflavina, acido folico, piridossina, ma possiede anche vitamina A e C.

La noce moscata stimola la digestione, è carminativa, antisettica e attenua alcuni disturbi come vomito, nausea e diarrea.
Secondo la medicina popolare, tra le virtù di questa spezia c’è anche quella di essere considerata un potente afrodisiaco.

L’olio estratto dalla noce moscata è efficace, per uso esterno, contro dolori nevralgici e reumatici.

ATTENZIONE: dosi che superano i 5 grammi provocano alterazioni di coscienza e allucinazioni oltre che dipendenza.

-Sale;

-Pepe nero: tra le varie cose è composto per il 10 % circa da acqua, da proteine, grassi, sali minerali tra cui citiamo il calcio, il sodio, il potassio, il ferro ed il fosforo. Tra le vitamina sono presenti la vitamina A, la tiamina o vitamina B1, la riboflavina ( B2 ) e la niacina ( B3 ).

Quali sono le sue proprietà?
– digestiva con conseguente stimolazione del metabolismo; questi benefici sono da imputarsi alla presenza di piperina che, oltre a favorire la produzione dei succhi gastrici, è anche in grado di migliorare l’assorbimento delle sostanze nutrienti presenti negli alimenti introdotti nel nostro organismo.
– la piperina sia in grado di stimolare la produzione di endorfine a livello celebrale ed  è quindi considerata una sostanza con proprietà antidepressive.
-benefici in caso di infiammazioni e ritenzione idrica.
 
Uno studio pubblicato sulla rivista Clinical Laboratory Science sostiene che il consumo di pepe nero si rivela efficace nella lotta al cancro al colon in quanto inibisce la proliferazione di questo tipo di cellule tumorali.
 
-Favorisce la termogenesi: ovvero la produzione di calore da parte dell’organismo, processo che aiuta il corpo a bruciare più calorie; per questo motivo il pepe nero viene utilizzato nelle diete dimagranti ed è stato calcolato che, se assunto durante un pasto, può aumentare fino 10 % in più il numero di calorie bruciate.

-Olio EVO: https://amatestessa.wordpress.com/2014/10/07/la-dieta-mediterranea-alimenti-chiave/

PREPARAZIONE (circa 20 minuti per preparare tutto e 10 minuti per cottura):

Taglio a dadi le melanzane e le rosolo in una padella con olio e aglio vestito schiacciato.

Trito un quarto, o meno, di cipolla rossa.

Porto a cottura le melanzane aggiungendo mezzo bicchiere d’acqua, quando sono morbide e di sfanno salo e tolgo dal fuoco.

Unisco in una ciotola le melanzane con la cipolla rossa e il pecorino grattugiato e mescolo bene.

Aggiungo tanto pane grattugiato quanto ne serve per asciugare il composto e ottenere la consistenza desiderata, aggiungo noce moscata, sale e pepe.

Compongo delle palle con l’impasto e le schiaccio fino a ottenere dei burger.

Rosolo in olio caldo su entrambi i lati.

Ed ecco pronto il nostro piatto!

A me piace tantissimo, io amo le melanzane e non posso proprio farne a meno 🙂

WithLoveGiulietta ❤