amatestessa

Il benessere prima di tutto!


Lascia un commento

L’attività fisica nel paziente diabetico insulino – dipendente (DM1)

woman-1562560_1920

Il diabete mellito 1 è una malattia metabolica, di cui la Sardegna presenta la più alta percentuale al mondo di soggetti affetti. Per questa ragione bisogna prestare particolare attenzione alla cura di tale patologia, attraverso l’esercizio fisico e una dieta equilibrata.

Il DM1 ha come causa il deficit assoluto della secrezione di insulina, poiché attraverso un processo autoimmune, si verifica la distruzione delle cellule produttrici di tale ormone, ovvero le cellule beta delle isole di Langerhans (pancreas).

L’insulina è un ormone peptidico anabolizzante, che tra le varie funzioni, ha quella di ridurre l’eccessiva presenza del glucosio nel circolo sanguigno, favorendone l’utilizzo come fonte energetica prontamente utilizzabile dal nostro organismo.

Infatti, come tutte le altre tipologie di diabete mellito, il DM1 è caratterizzato da iperglicemia, ovvero un eccesso di glucosio nella circolazione sanguigna, derivante in questo caso proprio dall’assenza dell’ormone insulina. I sintomi dell’iperglicemia possono portare a diverse conseguenze tra le quali l’aumento della sete, aumento della urinazione, perdita di peso, aumento dell’appetito e visione offuscata.

Nel caso in cui la patologia non venga tenuta sotto controllo dai soggetti che ne sono affetti, si può andare incontro a problemi di salute acuti, che provocano pericolo immediato per la vita, tra cui la tanto sentita ipoglicemia, o rapido abbassamento dei livelli di glucosio nel sangue.

La pratica dell’attività fisica di tipo aerobico è parte integrante del trattamento del diabete mellito, perché si è dimostrata in grado di migliorare il compenso glicemico e ridurre tutte le complicanze nei vari organi tra cui reni, occhi, cuore, nervi.

Nel diabete di tipo 1 i vantaggi derivanti dalla pratica sportiva, sono analoghi a quelli dei soggetti sani, ma vi è in più una vantaggiosa sinergia con l’insulina iniettata, migliorandone perciò l’azione all’interno dell’organismo.

La seduta di allenamento dev’essere strutturata in tal modo:

– Fase di riscaldamento caratterizzato da 5-10 minuti di attività a bassa intensità al fine di preparare i muscoli, il cuore e l’intero organismo all’aumento dell’esercizio;

– Fase centrale, caratterizzata dall’attività fisica programmata;

– Fase defaticamento, caratterizzata da 5-10 minuti di attività al fine di riportare l’organismo alla frequenza cardiaca basale.

Che tipo di sport aerobici sono consigliati?

Il punto di riferimento fondamentale dell’esercizio fisico nel diabete mellito tipo 1 è la guida dell‘American Diabetes Association.

Si consigliano tutte le attività aerobiche pure o prevalentemente aerobiche (nuoto, corsa, camminata, danza, ciclismo ecc.)

Bisogna sempre tenere sotto controllo la FC in modo tale da eseguire l’esercizio aerobico ad un’intensità del 40-80% della FC massimale, per circa 30-60 minuti almeno 4 volte a settimana.

Il diabetico di tipo 1 deve prestare particolare attenzione alla glicemia, che dev’essere monitorata prima, durante e dopo l’attività fisica, al fine di non andare incontro all’ipoglicemia.

Questo può avvenire perché il diabetico di tipo 1, non producendo da se l’insulina, è costretto ad assumerla per via esogena (esterna) ed è dunque INSULINO DIPENDENTE, al fine di non andare in chetoacidosi, situazione che porta al coma.

L’insulina (umana o rapida) dev’essere iniettata nel muscolo, meglio se nella regione addominale, qualche ora prima dell’attività fisica e bisogna controllare la glicemia ogni 30 minuti di esercizio intenso, al fine di decidere se assumere o no 15-30 grammi di carboidrati, utili ad alzarle il valore glicemico.

Il rischio di ipoglicemia durante l’attività fisica è possibile ed è per tale motivo importante evitare sport che che richiedono viglilanza e prontezza (vela, immersione ecc).

Si sconsigliano anche gli sports anaerobici, perché con i refrattomeri attuali non è difficile monitorare correttamente la glicemia.

Per ciò che concerne la dieta da seguire, sempre sotto controllo medico, si tratta di una dieta normocalorica con calorie che derivano per il 55-60% dai carboidrati, 10-15% da proteine e 25-30% dai grassi, ricca di fibre e con buona idratazione idrosalina.

Altro fattore importante è quello psicologico, considerando che parliamo di una patologia che spesso non viene accettata da chi ne è affetto, bisogna motivare l’individuo in questione, offrendogli programmi stimolanti, gratificandolo e supportandolo anche attraverso programmi di gruppo, durante i quali può confrontarsi con altre persone che praticano la sua stessa attività.

In particolar modo nei bambini è importante offrire sports alternativi per mantenere il loro livello di adesione all’attività fisica.


Per maggiori informazioni e richiesta di una prima seduta di valutazione, puoi contattarmi al seguente indirizzo e-mail :

giulia._.spano@live.it

     Dott.ssa Giulia Spano

                                                                                 (Scienze delle attività motorie e sportive)

Annunci


Lascia un commento

L’esercizio fisico CURA il Diabete mellito tipo2

diabete

 

Il diabete mellito 2 è una malattia cronico-degenerativa che deriva, per la maggior parte dei casi, da uno stile di vita squilibrato e dunque tipico di un soggetto sedentario e dedito ad un regime alimentare non equilibrato.

L’esercizio fisico è considerato terapia cardine della cura di questa patologia ed è per questo motivo che, con queste parole, voglio sottolinearne l’importanza, sia come metodo preventivo che curativo del DM.

 

Con il termine diabete mellito si raggruppa un insieme di malattie accomunate da iperglicemia. L’iperglicemia può essere provocata da difetti di secrezione dell’insulina e/o difetti di azione dell’insulina.

A lungo andare, una condizione di iperglicemia cronica, comporta disfunzioni e lesioni in diversi distretti (reni, cuore, vasi, nervi, retina etc.)

Bisogna perciò prestare particolare attenzione ai soggetti affetti da sindrome metabolica (i quali sviluppano patologie come cardiopatia ischemica, diabete, gotta ed altre ancora), in modo tale da avviare corretti programmi di prevenzione del DM2.

Troviamo tra le categorie a rischio di DM2 i soggetti IFG e IGT, ovvero casi di prediabete associato a obesità, alti livelli di trigliceridi e basso HDL + ipertensione.

La prevalenza del diabete in Italia va dal 10 al 23 % e la Sardegna presenta la più alta incidenza di DM1 in tutto il mondo.

La scelta dell’esercizio fisico come prevenzione e cura del DM2 è importante poiché le fonti energetiche utilizzate dipendono dal tipo di disciplina sportiva praticata, che a sua volta determina il tipo di fibre muscolari che vengono maggiormente attivate.

L’esercizio di potenza muscolare favorisce la crescita di fibre bianche, a contrazione rapida, mentre l’esercizio di resistenza favorisce la crescita delle fibre rosse che hanno una grande capacità ossidativa, perché ricche di mitocondri e vasi sanguigni.

L’allenamento di resistenza muscolare DETERMINA l’attivazione di AMPK, una protein kinasi che attiva il gene PGC-1, il quale a sua volta regola i geni coinvolti nel metabolismo energetico collegando gli stimoli esterni alla attività mitocondriale ed è un fattore importante nella determinazione tipo di fibra muscolare, e determina l’attivazione di PPAR-delta, un recettore nucleare coinvolto nella costruzione e nel funzionamento del muscolo.

L’attività fisica infatti determina la rottura del legame altamente energetico del fosforo dell’ATP liberando energia necessaria per la contrazione muscolare. Ciò determina aumento dell’AMP che a sua volta attiva la sua kinasi AMPK per ristabilire, riproducendo il legame con consumo di energia, i livelli di ATP che permettono la contrazione muscolare.

Aumenta anche l’enzima malonil-CoA che aumenta la concentrazione di acidi grassi nei mitocondri in modo da utilizzarli come fonte energetica.

I PPAR sono importanti perché permettono l’aumento delle fibre ossidative dopo l’allenamento oltre che essere un gene master (regolatore) delle cellule di grasso: in particolar modo l’isotipo PPAR-delta è attivato con l’attività fisica, permettendo così la beta ossidazione degli acidi grassi.

Diversi studi condotti negli ultimi anni, che hanno arruolato 2000 controlli e 2200 soggetti a rischio di diabete, hanno stabilito che una dieta a basso regime calorico e una moderata attività fisica hanno ridotto di circa il 58% l’insorgenza del diabete in persone IGT rispetto a soggetti non trattati.

Tali benefici perdurano significativamente da 6 a 20 anni alla fine del trattamento intensivo: si tratta della memoria metabolica.

Gli sports più adatti alla cura e prevenzione del DM2, sono quelli di tipo aerobico, che coinvolgono le masse muscolari maggiori, quelle degli arti inferiori, a un intensità tra 40-60% per bruciare i grassi.

La durata, escludendo riscaldamento e defaticamento, dev’essere tra i 30-60 minuti al giorno.

Negli ultimi tempi è stata constatata l’importanza dell’interval training, ovvero ALLENAMENTO DISCONTINUO composto da delle SERIE DI ESERCIZI A VARIE INTENSITÀ alternate a PERIODI DI RIPOSO ATTIVO O PASSIVO, che permette di ottenere grandi risultati in circa 15 minuti escludendo il riscaldamento.

Altro fattore importante riguarda le precauzioni da seguire per evitare traumi o ipoglicemie e ottenere buoni risultati:

UTILIZZARE CALZATURE ADEGUATE;

MONITORARE LA GLICEMIA PRIMA, DOPO E DURANTE L’ALLENAMENTO;

ECG A RIPOSO E SOTTO-SFORZO;

DIETA BASATA SUL 50-60% DEI CARBOIDRATI, 10-15% PROTEINE E 25-30% GRASSI CON DEFICIT DI 300 KCAL AL GIORNO, RICCA DI FIBRE E INTEGRAZIONE IDROSALINA

La domanda finale è: Può l’esercizio fisico curare il diabete?

Si, attraverso l’esercizio fisico si possono prevenire i casi di insorgenza di diabete in soggetti predisposti o addirittura mandare in remissione il diabete di tipo2, intervenendo sullo stile di vita.

 

                                                                                                      Dott.ssa Giulia Spano