amatestessa

Il benessere prima di tutto!


Lascia un commento

Fumare ti uccide lentamente.

cigarette-110849_1280

Questo tema dovrebbe interessare non solo i fumatori, ma anche chi non fa uso di queste sostanze e magari vive a stretto contatto con chi le assume quotidianamente.

L’essere umano tende sempre ad accettare le cose così come sono, senza fare nulla per cambiarle, nonostante gli causino malori.

Questo accade perché per quanto riguarda il fumo la maggior parte della popolazione che ne abusa non ha danni apparenti che derivano da esso. Che si veda o no, il fumo danneggia il nostro sistema cardio-respiratorio.

Una delle cose che i fumatori dovrebbero valutare è che tutti i soldi spesi in sigarette, vanno a finire nelle casse dello Stato, che si arricchisce a discapito della vostra salute.

In sostanza, lo Stato ha legalizzato una droga che vi uccide solo col passare degli anni, apparendo meno pericolosa di quello che è, e voi state pagando per uccidervi.

Quali sono i danni che il fumo comporta?

  1. Enfisema polmonare
  2. Edema polmonare

Entrambe comportano la morte cellulare. Soprattutto se il danno si verifica nel nostro sistema cardiocircolatorio, non c’è proprio scampo.

Il nostro sistema respiratorio è costituito da bocca, trachea, polmoni, bronchi, bronchioli e alveoli.

Negli alveoli si verifica uno scambio dei gas e quindi un contatto tra ambiente interno ed esterno.

Fumando, i macrofagi (cellule che proteggono il nostro organismo) percepiscono l’entrata di sostanze patogene e si dirigono negli alveoli, attaccandoli per distruggere le sostanze nocive.

In questo modo, uccidono la cellula in se (alveolo) e ciò comporta l’enfisema polmonare. Esso è caratterizzato dalla presenza di molte meno cellule alveolari, ma sono più grandi. Il polmone avrà dunque un’elevata compliance o elevata capacità di espandersi, ma una ridotta elasticità e dunque incapacità di riprendere la sua conformazione iniziale.

L’edema polmonare, invece, è caratterizzato da una grande quantità di liquido interstiziale che non permette all’ossigeno di diffondersi, perché non può disciogliersi nei liquidi corporei ma può essere solo trasportata dai globuli rossi.

Di conseguenza, essendovi una ridotta superficie di scambio, provoca ipossia e ipercapnia.

L’edema polmonare è molto grave e può portare alla morte stessa.

Per saperne di più guarda questo video:

 


Per maggiori informazioni e richiesta di una prima seduta di valutazione, puoi contattarmi al seguente indirizzo e-mail :

giulia._.spano@live.it

Annunci


Lascia un commento

I tumori: si possono curare e prevenire?

tumori-al-seno-e-disinformazione

Esistono tumori, che derivano da fattori genetici, ma la maggior parte dei casi riguarda neoplasie che derivano da uno stile di vita scorretto.

Infatti, un’alimentazione poco curata, accompagnata ad uno stile di vita sedentario, a lungo andare comportano l’indebolimento del nostro intero organismo e di conseguenza diventa facilmente vulnerabile.

Come possiamo rendere la nostra vita migliore?

Come possiamo evitare la comparsa dei tumori?

Nel nostro paese il 27% dei casi di mortalità è da attribuire ai tumori, posizionandoli al secondo posto come fattori di mortalità, dopo le cardiopatie ischemiche.

Il sesso (maschile o femminile), condiziona il luogo in cui il tumore si verifica. Maschi e femmine, infatti, producono determinati tipi di ormoni, chi più e chi meno e questo determina la possibile locazione del cancro:

  • Nei maschi si verificano soprattutto nei polmoni, prostata e colon;
  • Nella donna si manifestano in maniera preponderante nella mammella, colon, polmoni e stomaco.

Possiamo contare diverse tipologie di fattori che causano l’insorgenza del tumore:

  • ereditarietà: si può ricondurre, in particolar modo, al tumore retino-blastoma e del colon;
  • stile di vita squilibrato: riguarda il 75% dei tumori che dominano la popolazione umana. I fattori che incidono maggiormente in questo senso sono il fumo di sigaretta, l’assunzione di alcolici, cibo ”spazzatura”, che incentivano soprattutto il cancro allo stomaco e al colon.

Cosa possiamo fare per migliorare il nostro stile di vita?

Ridurre l’assunzione di carne rossa e aumentare le dosi di fibre sotto forma di frutta e verdura, possono aiutarci a indebolire tutti i meccanismi corporei che favoriscono la generazione del tumore.

E’ importante nutrirci di sostanze la cui azione principale è quella protettiva.

Quali sono queste sostanze ad azione protettiva?

  • stimolatori dei sistemi microsomiali enzimatici (cavoli, broccoli);
  • sostanze antiossidanti;
  • vitamina C (agrumi);
  • limonene (limone, agrumi);
  • polifenoli (frutta, ortaggi e vino rosso);
  • flavonoidi (frutta, ortaggi e vino rosso);
  • licopene (pomodori);
  • antocianidine ( vino rosso)
  • idrossitirosolo (olio e.v.o);
  • fibre vegetali;
  • oligoelementi (selenio, ferro e iodio).

L’ambiente lavorativo è un altro fattore che incide sulla nostra salute, perché se ci si trova in una condizione in cui si sta a contatto con sostanze cancerogene, esse possono fare molto male all’organismo.

Per ciò che concerne i virus, diversi studi hanno confermato che non esiste un virus in grado di causare tumori all’essere umano.

Malattie come l’ulcera, se non curate nel migliore dei modi, si trasformano in tumori.

Lo stress è un altro fattore che incide particolarmente nella formazione delle malattie.

Il personale sanitario vuole diffondere il messaggio che il tumore non è così inevitabile, anzi si può fare tantissimo per poter vivere meglio. Possiamo fare tanto per rendere la nostra vita migliore.

Per saperne di più guarda questo video:

 

 


Per maggiori informazioni e richiesta di una prima seduta di valutazione, puoi contattarmi al seguente indirizzo e-mail :

giulia._.spano@live.it


3 commenti

L’OMS DICHIARA CHE LA CARNE E’ CANCEROGENA!

Niente di nuovo, solo una conferma nel bollettino ufficiale, dichiarata niente di meno che dall’OMS.

Da anni e anni, ci sono state parecchie avvertenze sullo stato di pericolo della carne sulla nostra salute, ma la gente non si faceva troppo condizionare dalle ”voci di corridoio”.

L’ANSA, ha pubblicato l’articolo ufficiale e adesso sarà molto più difficile buttar giù la tesi della carne come prodotto cancerogeno.

L’OMS mette al primo posto le carni lavorate, come sostanze che causano il cancro (soprattutto allo stomaco), mentre le carni rosse fresche al secondo, classificate con rischio leggermente minore di causare neoplasie maligne.

VUOI SAPERE LA MIA OPINIONE A RIGUARDO SULLA CARNE?

LEGGI QUESTO ARTICOLO: https://amatestessa.com/2015/10/29/la-carne-fa-male/

GUARDA ANCHE L’ARTICOLO SULLE SOSTANZE CANCEROGENE SPRIGIONATE DALLA COTTURA DELLA CARNE:

https://amatestessa.com/2015/03/25/che-cosa-succede-alla-carne-durante-la-cottura/

VIDEO CORRELATO:

Riporto qui di seguito la lista di carni bandite presa direttamente dal sito dell’ANSA:

LA LISTA OMS DELLE CARNI CANCEROGENE
Carni in scatola, hot dogs, prosciutto: sono solo alcuni esempi di carni trattate, considerate cancerogene per l’uomo dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms). Sono invece considerate ‘probabilmente cancerogene’ le carni rosse: questa categoria, spiega l’Oms, ”si riferisce a tutti i tipi di carne di muscolo di mammifero, come ad esempio manzo, vitello, maiale, agnello, montone, cavallo e capra”. Le carni trattate o lavorate sono quelle indicate come più pericolose per l’uomo, essendo state inserite dall’Oms nel gruppo 1 per rischio cancerogeno. Le carni lavorate, spiega l’Oms, includono le carni che sono state trasformate ”attraverso processi di salatura, polimerizzazione fermentazione, affumicatura, o sottoposte ad altri processi per aumentare il sapore o migliorare la conservazione”. La maggior parte delle carni lavorate contiene maiale o manzo, ma le carni lavorate è possono anche contenere altri tipi di carni rosse, pollame, frattaglie o prodotti derivati dalla carne come il sangue. Esempi di carni lavorate includono dunque, avverte l’Oms, gli hot dogs, prosciutto, salsicce, carne in scatola, preparazioni e salse a base di carne.

POTETE RISALIRE ALL’ARTICOLO ORIGINALE CLICCANDO IL SEGUENTE LINK:

http://www.ansa.it/saluteebenessere/notizie/rubriche/medicina/2015/10/26/oms-carni-lavorate-cancerogene-come-fumo_73ef1f6f-1854-473c-b2cb-9a8a9d62039b.html

Nell’area medica si invita sempre di più la popolazione a seguire un regime alimentare mediterraneo, riducendo l’assunzione di carne nella propria dieta.

Se vuoi sapere di più sulla DIETA MEDITERRANEA LEGGI QUESTI ARTICOLI:

ARTICOLO 1: https://amatestessa.com/2014/10/07/la-dieta-mediterranea-alimenti-chiave/

ARTICOLO 2: https://amatestessa.com/2014/10/06/la-dieta-mediterranea/

E GUARDA I VIDEO CORRELATI SUL CANALE YOUTUBE:

VIDEO 1: 

VIDEO 2: 

Gli studi condotti dall’Aiom dichiarano che il 9% degli italiani nel 2010 faceva un consumo di carne rossa e insaccati pari a 3-4 volte alla settimana!

Il cancro del colon-retto, è stimato con 55.000 diagnosi stimate per il 2013.

Rimane un interrogativo nell’aria:

la dichiarazione ufficiale porterà dei cambiamenti nell’approccio ai consumi della carne, nella popolazione italiana, o ancora una volta il popolo ignorerà la realtà dei fatti?


♔WithLoveGiulietta♔


Lascia un commento

Prodotti alimentari che provocano il cancro!

Buongiorno a tutti,

oggi vi parlerò di una sostanza dannosissima alla nostra salute, che mette a rischio soprattutto la vita dei più piccoli : l’acrilammide!

L’acrilammide è l’ammide dell’acido acrilico. A temperatura ambiente si presenta come un solido cristallino incolore o leggermente bianco, solubile in acqua con reazione fortemente endotermica, avente odore non percettibile o leggermente ammoniacale, che in forma pulverulenta viene facilmente inalato con effetti potenzialmente molto pericolosi.

Viene industrialmente preparata per idrolisi dell’acrilonitrile con idratasi nitrilica.

L’Efsa, dopo diversi controlli, ha dimostrato che questa sostanza aumenta notevolmente il rischio di incontrare il cancro.

Le zone maggiormente a rischio sono: il sistema nervoso centrale e periferico e l’apparato riproduttivo.

Essendo un composto elettrofilo, formando un doppio legame con i gruppi zolfo dei residui di cisteina e i corpi chetonici, il legame covalente impedisce il funzionamento della macromolecola con cui di lega, annullandola.

Questo problema si manifesta, poiché tale sostanza è presente nella maggior parte dei prodotti in commercio, tra i quali gli alimenti contenenti amido, che vengono sottoposti ad alte temperature sprigionando in tal modo sostanza nocive.

Tempo fa scrissi un articolo a riguardo, con relativo video correlato:

ARTICOLO: https://amatestessa.com/2015/05/05/gli-alimenti-cotti-ad-alte-temperature-provocano-il-cancro/

VIDEO: 

Caffé, patatine, cracker, biscotti e così via. sono dei veri e propri concentrati di veleno, considerando anche la presenza delle sostanze di cui vi parlai nei seguenti articoli e video:

GLI INGREDIENTI CON CUI LE INDUSTRIE CI STANNO UCCIDENDO! 

PARTE 1:  https://amatestessa.com/2015/01/17/gli-ingredienti-con-cui-le-industrie-ci-stanno-uccidendo/

PARTE 2: https://amatestessa.com/2015/01/18/gli-ingredienti-con-cui-le-industrie-ci-stanno-uccidendo-parte-2/

L’olio di palma: uccide gli orango tango e abbatte le foreste!

https://amatestessa.com/2015/06/04/lolio-di-palma-uccide-gli-orango-tanto-e-abbatte-le-foreste/

  

Dal momento che l’acrilammide e la glicidammide, suo metabolita, sono genotossiche e cancerogene, qualsiasi livello di esposizione presenta potenzialità in grado di danneggiare il DNA e far insorgere il cancro.

L’Efsa sostiene che non è possibile stabilire una dose giornaliera tollerabile negli alimenti.

FONTI: http://www.efsa.europa.eu/it/topics/topic/acrylamide.htm


 

♔WithLoveGiulietta♔


3 commenti

La pizza e gli alimenti cotti ad alte temperature provocano il cancro!

Nella nostra società, si è instaurata la routine della ‘pizza del sabato sera’, la quale accompagna divertenti serate in famiglia e con amici. La pizza si prospetta come ottima alternativa quando non si ha voglia di cimentarsi in cucina e soprattutto l’unico alimento capace di soddisfare tutti gli ospiti!

Inoltre, con il fatto che si può ordinare a domicilio, si realizza il combo perfetto!

E che possiamo dire del pranzo della domenica? Soprattutto adesso che siamo in piena primavera, le giornate ci permettono di pranzare all’aperto e possiamo organizzare della arrostite di carne e pesci all’aperto, con tutte le persone a noi care. Sicuramente si tratta di un piacevole momento di armonia, ma dietro a tutto ciò si nasconde il male, perché ci ritroviamo ad assumere sostanze altamente nocive alla nostra salute.

Dovete sapere che la cottura è essenziale nei processi di preparazione degli alimenti, e come vi ho spiegato nei precedenti articoli, se un nutriente viene sottoposto a temperature troppo elevate, perde le sue sostanze nutritive, le quali si trasformano in vero e proprio veleno.

Durante la cottura della pizza nel forno a legna, si generano altissime quantità di fumi e sostanze tossiche che si depositano sull’alimento in questione e questo fenomeno si manifesta anche nella cottura alla brace, al microonde e in generale in qualsiasi cottura prolungata ad alte temperature.

Quali sono le sostanze in questione?

Le ammine eterocicliche, sono sostanze che esistono sia in forma buona, ma anche in forma altamente cancerogena, e questo si genera dalla cottura a temperature troppo elevate o in tempi di cottura prolungati in eccesso. Questo fenomeno si manifesta soprattutto nella carne e nel pesce alla brace, in cui la creatina (un elemento presente nel tessuto muscolare) e altri aminoacidi reagiscono con gli zuccheri. Cosa provocano le HCA? lo sviluppo di alcuni tipi di cancro, tra cui quello al colon, alla prostata e allo stomaco.

Per ridurre le quantità di queste sostanze cancerogene, è necessario cuocere la carne al di sotto di 100°C, optando su cotture meno invasive come la stufatura e la bollitura. Inoltre bisogna cercare di cuocere solo il necessario senza eccedere.

Gli idrocarburi policiclici aromatici, si generano nel corso di una combustione incompleta di materiale organico come carbone, legno, petrolio, tabacco, grasso ecc.

Ritroviamo questi elementi nocivi nel fumo di sigaretta, nella carne o nel pesce cotti alla griglia o alla brace, nelle fritture dell’olio, ma anche nelle zone soggette a incendi o vulcaniche.

Il benzopirene: è altamente cancerogeno e si forma nella cottura della carne troppo eccessiva. Un bambino, se esposto a tali sostanze, si ritrova con ridotta crescita fetale, basso QI, asma e ritardi nello sviluppo.

Prodotti di glicogenazione avanzata: si formano dall’azione enzimatica di zuccheri e amminoacidi.

Essi provocano diverse patologie tra cui Alzheimer, cataratta, diabete, insufficienza renale, malattie cardiache, e ictus.

L’acrilammide, è una sostanza inodore idrosolubile che si forma quando amminoacidi, in particolare l’asparagina, e zuccheri vengono portati a temperature superiori a 120°C. L’acrilammide potrebbe causare lo sviluppo di cellule cancerose e portare a disordini riproduttivi. A dosi elevate, tale sostanza può inoltre causare neurotossicità.

Questo è tutto,

al prossimo articolo!

Fonti: http://www.educazionenutrizionale.granapadano.it/it/corretta-alimentazione-e-stile-di-vita/consigli-su-alimentazione-e-salute/-i-rischi-della-cottura-alla-griglia.-occhio-alla-salute-senza-rinunciare-al-gusto

http://it.wikipedia.org/wiki/Cottura

Dott.ssa Giulia Spano


3 commenti

Che cosa succede alla carne, durante la cottura?

Cosa succede alla carne a seconda dei tempi di cottura utilizzati?

Bisogna prestare molta attenzione quando ci cimentiamo nella preparazione di un bel pranzetto o di una buona cenetta, perché le modificazioni chimiche e fisiche dell’alimento in questione, incidono sul valore nutritivo e sulla digeribilità del piatto.

La carne cotta oltre i propri tempi di cottura è poco digeribile.

Una cosa di cui tener sempre conto, per quanto riguarda la preparazione di un bollito di carne, sono i tempi: la carne libera le sue sostanze nutritive che vengono disperse nell’acqua di cottura:

dopo 60 minuti, si disperdono le vitamine idrosolubili;

dopo 3 ore, si disperdono anche i sali minerali.

Proprio per questi due fenomeni, si consiglia di utilizzare l’acqua, ormai diventata brodo, per preparare un’ottima minestrina o per cucinare un risotto e così via.

ATTENZIONE: SE IL BRODO RISULTA TROPPO CONCENTRATO, NON UTILIZZATELO PERCHE’ POTREBBE PROVOCARVI REFLUSSI GASTRICI, SOPRATTUTTO A CHI SOFFRE DI ULCERA!

Un altro consiglio che posso darvi è quello di immergere la carne nell’acqua di cottura, solo quando essa sta già bollendo: in questo modo si creerà una barriera superficiale che impedirà, almeno in parte, il passaggio di nutrienti.

La morale della storia è quella di non eccedere mai nei tempi di cottura e di ricordarci sempre che:

– le proteine, con la cottura, subiscono un brusco decadimento del loro valore biologico;

bollire la carne, provoca un decadimento del valore proteico molto alto;

– mediante arrostimento o tostatura le proteine si denaturano e producono sostanze tossiche da piroscissione alcune delle quali notoriamente cancerogene, come il benzopirene;

 Le carni alla griglia sono causa, ormai accertata, di cancro ( COME MAI LE CARNI ALLA GRIGLIA PROVOCANO IL CANCRO? PER SAPERNE DI PIU’ TI RIMANDO A QUESTI SITI: http://www.disinformazione.it/cibo_cotto_cibo_morto.htm   /

 Le sostanze proteiche a 60° coagulano del tutto divenendo inattaccabili dai succhi gastrici.

GUARDA ANCHE L’ARTICOLO SULLA DICHIARAZIONE DELL’OMS (CARNE CANCEROGENA):

https://amatestessa.com/2015/10/26/loms-dichiara-che-la-carne-e-cancerogena/

Dottoressa Giulia Spano



29 commenti

Lo zucchero semolato.

Buongiorno a tutti cari lettori,

oggi non sono di molte parole…

Ne uso poche ma buone per invitarvi a riflettere su un ”alimento” dannosissimo che la maggior parte di noi ingerisce ogni giorno, sia per dare un senso di dolcezza al caffè, al tè o altre bevande, sia perchè è insito in altri alimenti o bevande che si acquistano nei supermercati.

PROCESSO DI FORMAZIONE E LAVORAZIONE DELLO ZUCCHERO SEMOLATO:

– Riscaldato s temperature altissime;

– depurato con l’utilizzo del corrosivo latte di calce, al fine di eliminarne l’acidità;

– depurato con la velenosa CO2 per eliminare i residui di calce;

– depurato con l’acido solforico (molto velenoso) al fine di eliminare il colore scuro dello zucchero che non attira i compratori;

– filtraggio per mezzo del carbonio delle ossa animali al fine di sbiancare ulteriormente, poiché l’uomo è attratto dal bianco perfetto;

– trattato con il blu idantrene, il quale deriva dal cancerogeno catrame, al fine di eliminare gli ultimi residui antiestetici giallognoli del prodotto.

PRODOTTO FINALE:

Una sostanza non nutritiva, privata dei suoi naturali costituenti, che uccide l’uomo.

WithLOveGIulietta ❤