amatestessa

Il benessere prima di tutto!


3 commenti

Che cosa succede alla carne, durante la cottura?

Cosa succede alla carne a seconda dei tempi di cottura utilizzati?

Bisogna prestare molta attenzione quando ci cimentiamo nella preparazione di un bel pranzetto o di una buona cenetta, perché le modificazioni chimiche e fisiche dell’alimento in questione, incidono sul valore nutritivo e sulla digeribilità del piatto.

La carne cotta oltre i propri tempi di cottura è poco digeribile.

Una cosa di cui tener sempre conto, per quanto riguarda la preparazione di un bollito di carne, sono i tempi: la carne libera le sue sostanze nutritive che vengono disperse nell’acqua di cottura:

dopo 60 minuti, si disperdono le vitamine idrosolubili;

dopo 3 ore, si disperdono anche i sali minerali.

Proprio per questi due fenomeni, si consiglia di utilizzare l’acqua, ormai diventata brodo, per preparare un’ottima minestrina o per cucinare un risotto e così via.

ATTENZIONE: SE IL BRODO RISULTA TROPPO CONCENTRATO, NON UTILIZZATELO PERCHE’ POTREBBE PROVOCARVI REFLUSSI GASTRICI, SOPRATTUTTO A CHI SOFFRE DI ULCERA!

Un altro consiglio che posso darvi è quello di immergere la carne nell’acqua di cottura, solo quando essa sta già bollendo: in questo modo si creerà una barriera superficiale che impedirà, almeno in parte, il passaggio di nutrienti.

La morale della storia è quella di non eccedere mai nei tempi di cottura e di ricordarci sempre che:

– le proteine, con la cottura, subiscono un brusco decadimento del loro valore biologico;

bollire la carne, provoca un decadimento del valore proteico molto alto;

– mediante arrostimento o tostatura le proteine si denaturano e producono sostanze tossiche da piroscissione alcune delle quali notoriamente cancerogene, come il benzopirene;

 Le carni alla griglia sono causa, ormai accertata, di cancro ( COME MAI LE CARNI ALLA GRIGLIA PROVOCANO IL CANCRO? PER SAPERNE DI PIU’ TI RIMANDO A QUESTI SITI: http://www.disinformazione.it/cibo_cotto_cibo_morto.htm   /

 Le sostanze proteiche a 60° coagulano del tutto divenendo inattaccabili dai succhi gastrici.

GUARDA ANCHE L’ARTICOLO SULLA DICHIARAZIONE DELL’OMS (CARNE CANCEROGENA):

https://amatestessa.com/2015/10/26/loms-dichiara-che-la-carne-e-cancerogena/

Dottoressa Giulia Spano


Annunci


7 commenti

Cottura: Brasati e Stufati!

Buongiorno miei carissimi lettori,

oggi vi racconto un po’ della cottura di brasati e stufati, la quale si adatta a carni, verdure e pesci compatti.

Essa è caratterizzata da tempi di cottura molto lenti e a fuoco dolce, dove sia l’acqua che il vapore prodotto, svolgono l’azione di trasmettere il calore agli alimenti in questione.

Dopo aver rosolato l’ingrediente nel grasso, cuoce in pochissimo liquido che evapora in continuazione, tocca le pareti del coperchi e ricade nel fondo della pentola.

Quali sono i vantaggi?

1) Le vitamine che vengono disperse, sono poche, poiché restano nel sughetto di cottura e sono limitate dalla crosticina che si forma sulla superficie dell’alimento dopo la rosolatura;

Quali sono gli svantaggi?

1) cottura molto lunga;

2) apporta più calorie, derivate dall’aggiunta di grassi nel momento della rosolatura;

3) la digestione diventa macchinosa per via della cottura dei grassi aggiunti e di quelli insiti nell’alimento.

Si consiglia di asciugare il grasso in eccesso con carta assorbente.

                                                       Dottoressa   Giulia Spano