amatestessa

Il benessere prima di tutto!


10 commenti

La Dieta Mediterranea: alimenti chiave!

La dieta mediterranea non è solo un regime alimentare ma un vero e proprio stile di vita, tanto da diventare, nel 2010, patrimonio dell’Unesco. Gli studi condotti parlano chiaro: chi segue scrupolosamente la dieta mediterranea vive più a lungo!

I paesi che si affacciano sul Mediterraneo sono 16, con abitudini e stili di vita differenti, ma una cosa li accomuna: l’alimentazione.

Essa è caratterizzata da: un elevato consumo di frutta, verdura, patate, fagioli, noci, semi, pane e cereali; l’utilizzo dell’olio d’oliva per cucinare e per condire; moderate quantità di pesce, ma poca carne; piccole/moderate quantità di formaggio grasso e yogurt intero; un consumo moderato di vino, di solito ai pasti; alimentazione basata su prodotti locali, stagionali, freschi; stile di vita attivo.

Analizziamo nei dettagli gli ingredienti “magici” di questo regime:

L’OLIO D’OLIVA.

L’olio d’oliva risulta essere un’ottima fonte di grassi monoinsaturi, soprattutto di acido oleico il quale, essendo costituito da lunghe catene, possiede un’alta resistenza al calore e all’ossidazione, migliorando la conservabilità di questi alimenti, li preservandoli dall’irrancidimento e rivelandoli dunque molto adatti alla frittura. La dieta Mediterranea suggerisce dunque di sostituirlo ai grassi saturi come il burro e margarina. I grassi monoinsaturi hanno un’azione molto importante: proteggono contro la malattia cardiaca e inoltre l’olio d’oliva è anche una fonte di antiossidanti tra cui la vitamina E.

Ottime concentrazioni di acido oleico si registrano anche nelle mandorle, nelle nocciole, nelle arachidi, nei pistacchi e nei rispettivi oli.

FRUTTA E VERDURA.

È stato dimostrato che un elevato consumo di frutta e verdura fresca svolge un’azione protettiva contro la malattia cardiaca e il cancro, probabilmente grazie agli antiossidanti contenuti in questi alimenti.

I pomodori, in particolare, sono un ingrediente essenziale della cucina mediterranea. Sono a tutti gli effetti una fonte importante di antiossidanti e attraverso il processo di cottura, ad esempio preparando il sugo, è altamente benefico perché incrementa la disponibilità di licopene, uno dei principali antiossidanti di questi ortaggi. Il licopene è particolarmente utile nel combattere l’invecchiamento, le malattie cardiovascolari e persino alcune forme tumorali, come il cancro alla prostata e all’apparato digestivo in genere, alla cervice e alla mammella. Inoltre riduce l’incidenza di attacchi cardiaci e aterosclerosi. Quando esponiamo il nostro corpo ai raggi ultravioletti, svolge una funzione protettiva della nostra pelle. Risulta anche essere un abile battagliero contro malattie neurologiche come Alzheimer e morbo Parkinson.

PESCE GRASSO.

È stato anche suggerito che il pesce, in particolare quello grasso come la sardina, abbia notevoli proprietà salutari.

Il pesce grasso è una fonte di grassi polinsaturi omega 3 e sembra che i derivati complessi a catena lunga di questi grassi giovino particolarmente alla salute del cuore per le loro proprietà antinfiammatorie e vasodilatorie, che favoriscono una corretta circolazione del sangue.

 

IL VINO.

In tutta la regione mediterranea si beve vino con moderazione, di solito in concomitanza con i pasti.

Il vino, in particolare quello rosso, fitonutrienti.Tra tutti i polifenoli, che sono potenti antiossidanti, proteggono contro l’ossidazione delle LDL (lipoproteine a bassa densità) e contro le altre conseguenze patologiche del processo di ossidazione.

Altri fitonutrienti ricoprono una funzione nell’inibizione dell’aggregazione delle piastrine, nella vasodilatazione, ecc.

 

Questo tipo di dieta è così sano grazie a una combinazione di tutti i diversi ingredienti: l’insieme è più delle singole parti.

Non solo, è anche probabile che altri fattori, quali un atteggiamento più rilassato nei confronti del cibo, l’abbondanza di sole e una maggiore attività fisica contribuiscano a creare in questa regione uno stile di vita complessivamente sano.

Quali sono le regole da seguire?

CLICCA NEL SEGUENTE LINK PER CONOSCERLE!

https://docs.google.com/document/d/1qtD30ReG7op_ThEBvRCdNDWmuNWY8sd1nn53LEnIX4I/edit?usp=sharing

E allora cosa aspettate?

Perché seguire ancora le altre diete che riducono drasticamente gli alimenti, quando possiamo mangiare tutto, senza rinunciare a niente fuorché alimenti davvero dannosi?

Vi invito a pensarci un po’ su.

A presto

WithLoveGiulietta ❤

Annunci


4 commenti

La dieta mediterranea.

La dieta mediterranea, come ci dice il nome stesso, è uno stile alimentare che pone le sue fondamenta nella popolazione del mediterraneo, che sino agli anni ’50 si nutriva con gli alimenti che la terra gli offriva, ovvero il pesce, molte verdure, i cereali, i carboidrati, i grassi insaturi, la frutta fresca e secca, varie erbe aromatiche.

Fu con l’avvento della guerra che tutto cambiò, poiché per via del boom economico, la popolazione iniziò a consumare più proteine di origine animale e grassi saturi e col tempo questo ottimo stile di vita fu abbandonato a discapito di una dieta dannosa alla salute, tipica dei popoli statunitensi.

Un medico nutrizionista degli USA, Ancel Keys, si accorse che le popolazioni del bacino mediterraneo erano meno suscettibili ad alcune patologie rispetto al popolo americano, che invece risultava molto più incline all’obesità e alle varie malattie cardiovascolari che comporta una cattiva alimentazione ricca di grassi.

Quando fece ritorno in patria, avendo come ipotesi il pensiero che questa dieta del popolo mediterraneo, permettesse un ottimo tenore di vita, iniziò a eseguire degli studi che lo condussero alla stesura di un libro:  “Eat well and stay well, the Mediterranean way”.

Come condusse questi approfonditi studi? Monitorò la salute di persone di tutto il mondo, dal Giappone all’OLanda, alla Jugoslavia, alla Finlandia agli USA e infine all’Italia. Furono esattamente 12.000 individui di età compresa tra i 40 e 60 anni ad essere osservati nei loro approcci e cambiamenti fisici rispetto alla dieta che seguivano.

Keys, nel corso di questi studi, confermò la sua ipotesi iniziale, e decise di diffondere le abitudini mediterranee nel popolo americano.

Negli anni ’90, nacque la piramide alimentare, la quale ci mostra che alimenti assumere, con che frequenza e le giuste quantità. Non scordiamoci che alla base della piramide, è presente l’attività fisica alla quale viene data un’importanza straordinaria per i benefici che apporta all’essere umano. Inoltre bisogna bere almeno 1,5l  d’acqua al giorno.

Perché scegliere la Dieta Mediterranea?

  • ci dona tutti i nutrienti necessari ;
  • elimina tutti i cibi elaborati dall’uomo ovvero i grassi saturi e promuove quelli insaturi;
  • riduce il rischio per le malattie cardiovascolari e i dismetabolismi come il diabete di tipo II, l’obesità e riduce la possibilità di un’ostruzione delle arterie.

Negli articoli che seguiranno, vedremo le proprietà di ogni nutriente caratteristico di questo regime alimentare; come comportarci per seguire al meglio questo stile di vita; la dieta mediterranea in relazione all’obesità; e spiegherò nei dettagli i benefici che apporta al nostro organismo, affinché tutti possano capirne l’importanza e comincino a intraprendere il cammino all’insegna del benessere.

WithLoveGiulietta ❤