amatestessa

Il benessere prima di tutto!


Lascia un commento

Addominali alti o bassi?

Lavorando nel settore del benessere, sono costantemente a contatto con persone che hanno come obiettivo principale quello di perdere peso o che semplicemente desiderano un miglioramento della loro performance atletica.

Soffermandomi sulla parete addominale esiste un mito piuttosto duro a morire, che distingue gli addominali in alti e bassi, parlando dell’esistenza di esercizi specifici per far lavorare o uno o l’altro.

Per tale motivo, mi sembra doveroso fare un po’ di chiarezza, attraverso alcuni cenni di anatomia e biomeccanica.

Possiamo distinguere gli addominali in 3 importanti settori ognuno dei quali svolge una specifica funzione:

  • Retto dell’addome: permette di flettere la colonna vertebrale;
  • Trasverso: ha la funzione di stabilizzare la colonna vertebrale;
  • Obliqui: permettono di ruotare e flettere lateralmente la colonna vertebrale.

Tra di essi, il retto dell’addome spicca per importanza estetica (la famosa tartaruga) e quando si parla di addominali alti e bassi, ci si riferisce all’allenamento di questo muscolo.

Dovete sapere che il retto dell’addome si comporta come una fibra elastica e quindi, nel momento in cui andiamo a eseguire qualsiasi esercizio che lo coinvolge, che sia un crunch classico oppure un crunch inverso (dove abbiamo la sensazione che nel primo lavorano gli addominali alti e nel secondo quelli bassi), in realtà le fibre del retto dell’addome lavorano insieme.

Gli addominali vanno allenati come qualsiasi altro muscolo ed entrano in gioco sia durante gli esercizi che allenano gli arti inferiori che in quelli che sollecitano gli arti superiori.

Inoltre, l’alimentazione svolge un ruolo essenziale come vi ho già spiegato in questo articolo.

Per approfondire questa importante tematica, vi consiglio di guardare questo video:


Per maggiori informazioni e richiesta di una prima seduta di valutazione, puoi contattarmi al seguente indirizzo e-mail :

giulia._.spano@live.it


Lascia un commento

Obesità: i benefici dell’attività fisica!

weight-loss-2036968_1920

Ormai è risaputo che l’obesità è portatrice di molte malattie e che quindi i soggetti che sono in stato di sovrappeso ma soprattutto obesità, sono più inclini a sviluppare una moltitudine di patologie.

In alcuni casi viene ipotizzato un rapporto di causa-effetto, come nel caso delle patologie causate a livello dell’apparato osteoarticolare, mentre in alcuni casi come nelle dislipidemie il rapporto è in concomitanza.

Inoltre, l’obesità è in grado di aggravare il decorso di moltissime malattie. Quindi se un soggetto per genetica è portatore di una data malattia e conduce uno stile di vita che comporta lo stato di obesità, la malattia in questione peggiora.

Possiamo raggruppare in 4 tipologie le complicanze dell’obesità:

  • Metaboliche;
  • Meccanica;
  • Psicosociali;
  • Sfera sessuale.

Diversi studi hanno dimostrato che una buona parte dei casi di mortalità sono proprio associati a uno stile di vita sedentario. Questo dovrebbe far riflettere le persone che si trovano in questo stato e dargli input per reagire e cambiare completamente lo stile di vita.

L’attività fisica non va ad agire solo sul dispendio calorico, ma anche sulla sfera psicologica. Praticare attività fisica riduce il rischio di sviluppo di malattie legate al sistema cardiocircolatorio e metabolico.

Per tale motivo lo sport è una vera e propria terapia che permette di evitare gli effetti collaterali dei farmaci.

Per sapere in maniera dettagliata ogni aspetto di questo argomento, GUARDA IL SEGUENTE VIDEO:


Per maggiori informazioni e richiesta di una prima seduta di valutazione, puoi contattarmi al seguente indirizzo e-mail :

giulia._.spano@live.it


Lascia un commento

Dimagrire velocemente con le Tute Brucia Grassi!

-POP (14)

In commercio esistono dei prodotti, tra cui le conosciutissime tute in nylon, che promettono di farti perdere peso in poco tempo.

Questi prodotti ”magici” danno una  speranza a tutte quelle persone che vorrebbero perdere peso senza faticare.

Dopo l’acquisto del prodotto ed il suo primissimo utilizzo, sembra che tutto vada per il verso giusto: dopo un’ora di attività fisica indossando queste tute speciali, il peso cala di 1 Kg.

Quindi il prodotto funziona veramente?

No, perché si perde peso nella maniera sbagliata.

Infatti, dopo aver reintegrato i liquidi, ci si ritrova al numeretto di partenza. Questo sta a dimostrare che l’unica cosa che avete perso in quest’ora di workout sono liquidi in eccesso, compromettendo gravemente il vostro stato di salute.

Sfatiamo il famoso mito delle goccioline di grasso che evaporano dal corpo!

In conclusione cosa comporta l’utilizzo di questi prodotti?

  • Nessuna perdita di peso a lungo termine;
  • Eccessiva disidratazione;
  • Ipertermia o colpo di calore;
  • Nausea;
  • Vomiti;
  • Attacchi cardiaci.

Una severa disidratazione è potenzialmente fatale, dunque allenatevi nel modo giusto affidandovi a delle persone competenti!

Per saperne di più guarda questo video:


Per maggiori informazioni e richiesta di una prima seduta di valutazione, puoi contattarmi al seguente indirizzo e-mail :

giulia._.spano@live.it


1 Commento

Come eliminare il grasso addominale e tonificare la pancia

pancia

E’ radicata, nella mente di molte persone, la falsa credenza che per perdere del grasso addominale sia necessario unicamente eseguire dei semplici esercizi di tonificazione.

Sicuramente, questa tipologia di esercizi è essenziale per tonificare e fortificare l’addome, però agendo solo in questo modo si ottiene una parete addominale forte, sotto uno strato di adipe.

Per eliminare l’adipe, soprattutto nella zona addominale, è necessario anche un cambiamento dello stile di vita.

La genetica incide considerevolmente sulla struttura della nostra parete addominale, perché a seconda di quello che è insito nel nostro corredo genetico, si verificano le seguenti casistiche:

  • individui con addome simmetrico o asimmetrico;
  • individui con inserzioni muscolari molto profonde o poco profonde;
  • differenze ormonali;
  • differenze metaboliche;
  • predisposizione ad accumulo di adipe in tale zona.

 

Cosa serve per avere un addome perfetto?

  • Alimentazione sana, pulita e adattata alle specifiche esigenze;
  • Muoversi il più possibile evitando la sedentarietà;
  • Fare attività fisica;
  • Curare la postura;
  • Evitare lo stress;
  • Dormire 7-8 ore a notte.

 

Per saperne di più guarda il seguente video:


Per maggiori informazioni e richiesta di una prima seduta di valutazione, puoi contattarmi al seguente indirizzo e-mail :

giulia._.spano@live.it


Lascia un commento

La carne ricca di ormoni arriva anche in Italia!

ttip_mt

Gli xenoestrogeni sono degli ormoni utilizzati nell’allevamento intensivo, al fine di aumentare le moli degli animali e vendere più carne sul mercato.

Questa pratica è illegale in Europa, però è legale negli USA, dove gli americani mangiano queste carni quotidianamente e di conseguenza sono soggetti alle malattie che ne derivano.

Secondo il trattato TTIP, che dev’essere ancora approvato definitivamente, l’America può esportare queste carni in Europa e, se non facciamo caso a quello che acquistiamo, possiamo essere anche noi vittime di queste sostanze cancerogene.

Il problema è che nonostante il trattato TTIP non sia ancora stato firmato dall’Europa, alcune carni americane sono già state esportate in Italia e possiamo tranquillamente trovarle anche nei supermercati.

Tutto ciò conferma l’imminente danno che si sta per verificare.

Quali sono gli ormoni utilizzati per dopare gli animali?

Uno degli ormoni più utilizzati è l’estradiolo coniugato che ha effetti simili all’estrogeno femminile. Di conseguenza mangiando queste carni sia l’uomo che la donna possono avere diverse patologie dell’apparato riproduttivo.

Quali patologie comporta?

L’assunzione di ormoni simili all’estrogeno femminile, comporta delle modificazioni a livello di testicoli e testosterone nel maschio e riduzione di spermatozoi,oltre che alterare anche gli organi e gli ormoni della donna.

Prima ho accennato al fatto che nonostante il trattato non sia ancora stato firmato dall’Italia, alcune carni sono già nei nostri supermercati.

Come fa ad essere in vendita se il Parlamento italiano deve ancora ratificare il voto del Parlamento europeo?

Il CETA (accordo commerciale tra l’UE e il Canada) semplificherà l’esportazione di beni e servizi dal Canada all’Europa. Questa nuova svolta favorisce solo i guadagni dei piccoli e grandi produttori, ma non di certo la nostra salute.

Il 15 febbraio 2017 il Parlamento Europeo ha votato in favore dell’accordo CETA.

Nonostante ciò, tutti i parlamenti nazionali dell’UE devono approvare il CETA prima che possa entrare pienamente in vigore e l’Italia non l’ha ancora ratificato, ma sta per farlo.

Quando il CETA avrà applicazione provvisoria, le carni di bisonti canadesi dopati avranno prezzi ben più accessibili. E nessuno potrà sapere nulla sugli eventuali  eventi di clonazione nella genealogia degli animali. Questo anche perché non è possibile tracciare la presenza di questi ormoni.

Vogliamo sottolineare anche l’enorme danno ambientale?

Incentivando un prodotto che arriva dal Canada quando si può avere benissimo in Italia, visti gli enormi spazi verdi di cui disponiamo, favorisce l’inquinamento ambientale.

Alcuni link utili per saperne di più:

TTIP: il Trattato che fa tremare i cittadini europei…DIFFONDETE!

COSA STA DIETRO QUELLA PORTA? IL TTIP – Il trattato transatlantico per il Commercio e gli Investimenti
DISTRATTI da Grexit, Il Parlamento Europeo approva il CENSURATISSIMO TTIP

 


Per maggiori informazioni e richiesta di una prima seduta di valutazione, puoi contattarmi al seguente indirizzo e-mail :

giulia._.spano@live.it


Lascia un commento

La forza della gratitudine aiuta a essere felici!

quarterback-67701_1920

Allenare un atleta significa non solo dargli gli strumenti per migliorare la propria performance fisica, ma essere anche un buon coach mentale.

Lo stato d’animo si riflette sulle performance atletiche ed è proprio per questo motivo che bisogna gestire anche questo fronte.

Al fine di aiutare più persone possibili a vedere sempre il lato positivo di ogni situazione, ho deciso di scrivere questo articolo.

Come puoi pensare che le altre persone ti amino se non sei tu la prima ad amare te stessa?

Ci sono dei momenti nella quotidianità, in cui tutto sembra andare male, le tipiche giornate storte in cui è facile essere autocritici e ci permettiamo di dire a noi stessi delle cose che a un’altra persona non ci permetteremo mai di dire.

“Non sei capace!” “Sei destinato a fallire”

Non facciamo che sommergerci dalla nostra negatività, ma quello che in realtà bisogna fare è lottare contro quello che ci fa stare male e trovare la positività nelle piccole cose che ci circondano.

Spesso, infatti, tendiamo a sottolineare solo i lati negativi della giornata, piuttosto che elevare il bello che ci circonda. La vita è fatta di alti e bassi, ma quello che cambia è come noi ci rapportiamo agli eventi.

Siamo noi che decidiamo se essere felici, non dobbiamo aspettare la felicità ma la dobbiamo creare.

Non dobbiamo aspettare che sia qualcun altro a credere in noi stessi, perché anche se il supporto di chi amiamo è importante, non è sufficiente se non siamo anche noi a credere nelle nostre capacità.

Siamo noi che compiamo le azioni che poi portano a determinate conseguenze e se vogliamo che siano positive, dobbiamo essere gentili verso noi stessi.

Per saperne di più guarda questo video:


Per maggiori informazioni e richiesta di una prima seduta di valutazione, puoi contattarmi al seguente indirizzo e-mail :

giulia._.spano@live.it


Lascia un commento

Rapporto sessuale prima di una gara: si o no?

stopwatch-259303_1920

Un argomento molto discusso da chi pratica sport, soprattutto a livello agonistico, è quello di avere o evitare il rapporto sessuale prima di una competizione importante.

SI o NO? 

E’ un argomento molto discusso dagli atleti che devono affrontare delle gare molto importanti, che siano a livello regionale, nazionale o persino la stessa Olimpiade.

Cosa ci dicono le ricerche a riguardo?
Fino ad oggi, tutto quello che ci è stato trasmesso sin dall’antichità a riguardo, sono solo degli aneddoti.

Gli orientali, ad esempio, credevano che avere un rapporto sessuale prima di una gara potesse eliminare l’energia vitale.

Qual è stata la recente svolta in questi studi?

Un gruppo di ricercatori italiani hanno analizzato i 500 studi che sono stati sino ad oggi condotti proprio su questa tematica e ne sono derivati i seguenti risultati:

  • Dal punto di vista scientifico, fisiologico, sono stati condotti degli studi in cui è stata analizzata la FC, la pressione e tutti questi fattori fisiologici e ne è derivato che la scienza consiglia di fare sesso massimo 2 ore prima della sfida. Infatti, l’energia che viene persa è ripristinata velocemente, trattandosi di poche calorie, che verranno ripristinate in queste 2 ore;
  • Dal punto di vista psicologico, ci sono solo fattori positivi. Infatti, sa che gli atleti prima della gara si fanno condizionare dall’ansia da prestazione e questo comporta molta perdita di energia. Quindi il sesso prima di una gara aiuta tantissimo;

 

In conclusione la ricerca scientifica non dice ne di farlo ne di non farlo. E’ un fattore puramente soggettivo e legato anche al tipo di sport.

Per saperne di più guarda questo video:


Per maggiori informazioni e richiesta di una prima seduta di valutazione, puoi contattarmi al seguente indirizzo e-mail :

giulia._.spano@live.it