amatestessa

Il benessere prima di tutto!

Le malattie cardiache.

2 commenti

Ciao a tutti,

oggi vi parlerò di un altro argomento che mi sta molto a cuore, poiché colpisce individui di tutte le fasce d’età (soprattutto gli anziani), e se non curato nelle giuste misure, può portare alla morte. Ogni anno, infatti, si verificano 16,7 milioni decessi per malattie cardiovascolari; e 20 milioni di persone sopravvivono ad un “accidente cerebrovascolare”.

bjj

Possiamo dunque capire che la situazione è molto critica e che non possiamo certamente starcene con le mani in mano aspettando che questi eventi facciano il loro corso. Dobbiamo piuttosto apportare un cambiamento nelle nostre abitudini quotidiane, adottando uno stile di vita migliore, che anche se inizialmente può sembrare faticoso per un soggetto sedentario, nel giro di poco tempo apporterà così tanti benefici che non si potrà mai più vivere senza. Sto parlando di un regime alimentare corretto, il quale è sempre alla base di tutto, ma in questo caso ciò che fa ancor più la differenza è lo sport. Esso a mio parere, se svolto compiendo i giusti gesti atletici e nelle corrette dosi (le quali saranno stabilite dopo una visita del paziente, per poter stendere un programma adattato alla propria situazione), è la miglior cura che vi possa essere sia a livello psicologico che fisico. Se consideriamo che quest’ultimi aspetti sono interdipendenti tra loro, possiamo ben capire che curando il corpo al fine di ridurre il malessere fisico, saremo ogni giorno più felici.

Vediamo ora quali sono le malattie cardiovascolari che colpiscono la popolazione:
Ipertensione arteriosa;
Malattia coronarica;
Arteriopatie periferiche;
Ictus;
Scompenso cardiaco.

Come già detto, a seconda della situazione clinica di ogni individuo, verrà steso un programma di allenamento, adattato a quel singolo caso. Dovete sapere, inoltre, che esistono diversi livelli di MET: misura dell’intensità metabolica, definito
anche EQUIVALENTE METABOLICO.
• 1MET = equivale alla quantità di ossigeno consumato per le funzioni basali dei vari organi da un uomo in condizioni di riposo = 3,5ml/Kg/min

Basandoci su questo punto di riferimento, possiamo dare una classificazione delle intensità dell’ attività fisica:
-Intensità lieve: 3 MET camminare sul piano, nuotare lentamente, ecc;
– Intensità moderata: 3 – 6 MET camminare velocemente o in salita;
– Intensità medio-elevata: il dispendio superiore a 6 MET (VO 2 = 21ml/Kg/min).

La risposta emodinamica varierà al variare del tipo di intensità del gesto atletico: nelle attività dinamiche, ovvero nell’esercizio ripetitivo, ciclico, in cui la forza muscolare non è utilizzata al massimo delle sue possibilità, parliamo di attività aerobiche nelle quali i muscoli, utilizzano prevalentemente energia liberata dall’ossidazione dei lipidi. Per intensità superiori il substrato preferenziale è dato dall’ossidazione dei carboidrati.

I benefici, che apportano le attività dinamiche nel sistema cardiovascolare, sono:
incremento della frequenza cardiaca; vasodilatazione periferica; scarso incremento della pressione arteriosa.
Questo tipo di attività è indicata nei casi di prevenzione primaria o secondaria delle malattie cardiovascolari.
Dopo di che esistono le attività statiche o di potenza, in cui il muscolo utilizza prevalentemente fosfocreatina come
substrato energetico e solo in parte carboidrati attraverso la glicolisi anaerobica, con accumulo di lattato ematico (attività anaerobica).
I benefici, che apporta un’attività di potenza al sistema cardiovascolare, sono:
aumento resistenze vascolari periferiche; aumento pressione arteriosa media; e non è indicata nei casi di ipertensione arteriosa. La pratica regolare di questa tipologia di esercizio fisico è in grado di indurre effetti benefici sull’ organismo e apparato cardiovascolare.

Non sto qui a descrivervi l’intero funzionamento cardiovascolare, ma mi limiterò a descrivere alcune delle malattie.

L’ipertensione: viene definita in base alla presenza di una pressione arteriosa sistolica >o = a 140 mm/Hg e una pressione diastolica >o = a 90 mm/Hh in un soggetto senza terapia farmacologica.

Essa si distingue in: primitiva,nell’80-90% dei casi; secondaria, dovuta nel 10% dei casi, a una patologia organica, ai farmaci, alla gravidanza. Detto in poche parole, l’ipertensione è dovuta alla formazione di placche (aterosclerosi), le quali vanno ad ostruire le arterie, bloccando lo scorrimento del sangue. Da tutto ciò ne deriva un danno cardiaco, i cui sintomi sono: cefalea; sensazione di pesantezza del capo; dolori ai bulbi oculari; sibili all’orecchio; instabilità; dolore toracico. I segni attraverso i quali possiamo riconoscere ipertensione sono: epistassi e rossore del volto.

Da tutto ciò si va incontro se non prese le giuste precauzioni, a degli eventi rilevanti che possono portare al decesso:
Ictus emorragico;
Evento drammatico;
Ictus trombotico;
Infarto del miocardio.

Riporto qui alcuni appunti che ho ricevuto durante i miei studi, che spiegano i benefici che apporta il beneficio fisico al nostro sistema cardiovascolare:

• Riduzione massa ventricolare sinistra:
• Riduzione di 5/7mm/Hg sia la sistolica che la
diastolica:
• Miglioramento funzione endoteliale;
• Miglioramento assetto lipidico;
• Calo ponderaleprescrizione;
• Esercizio tipo aerobico di intensità moderata
40-60% VO 2 R giornaliero (jogging, walking,
bicicletta e nuoto);
• Esercizi di resistenza/potenziamento 3 sedute
settimanali 60-80% 1-RM su di cicli di 8-12
ripetizioni;
• Intensità pari ad una frequenza cardiaca pari
al 40-60% per gli anziani e gli ipertesi
conclamati; intensità 60-80% della massimale
per le altre classi.

A questo punto, non posso che incoraggiare tutti voi all’intraprendere il cammino dell’attività fisica. Esistono moltissimi sport e dunque un’ampia scelta di esercizi, che potete ogni giorno eseguire al fine di stare bene divertendovi. Non passate ore e ore rinchiusi nella vostra inerzia. All’inizio sarà tutto molto faticoso, ma col tempo non potrete più farne a meno e vi assicuro che è molto più entusiasmante che guardare la televisione, o fumare, o bere quantità eccessive di alcolici.

Prendete la vostra vita in mano e rendetela migliore, per voi stessi e per chi vi sta intorno.

LO SPORT RENDE GIOVANI A LUNGO!

A presto

WithLoveGiulietta ❤

Annunci

Autore: Dott.ssa Giulia Spano

''Amante del benessere psico-fisico, ho reso lo sport e la sana alimentazione il centro della mia vita. Credo fermamente che l'amore per se stessi venga prima di ogni altra cosa e voglio trasmettere i miei principi a più persone possibili. Proprio per questo sono LAUREATA in scienze delle attività motorie e sportive e possiedo un blog e un canale YT in cui parlo di queste tematiche''

2 thoughts on “Le malattie cardiache.

  1. Molto interessante! Grazie!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...